mercoledì 16 febbraio 2011

Il punto sulla 25ma. giornata. Roma-Napoli 0-2

Quella di sabato 12 Febbraio, è stata una vera e propria impresa da parte del Napoli! Si è vinto a Roma dove non vi era riuscito nessuna squadra in questa stagione; all'olimpico la Roma aveva costruito un vero e proprio forzino. Il risultato è straordinario, la vittoria è importantissima, ma ciò che ha reso questa partita ancor più eccezionale, è stata il modo come il Napoli se l'ha giocata: ha annichilito la Roma, ha dominato la partita.
Quando c'era da difendersi, il Napoli l'ha fatto con ordine, non lasciando spazi agli avversari e rischiando pochissimo. La difesa è stata attentissima, e i centrali di centrocampo hanno fatto filtro in modo ottimale, addirittura quando c'era da impostare, anche questi giocatori con compiti difensivi, sono stati impeccabili. Cannavaro ha allargato sulle fasce con cambi di gioco continui, Pazienza ha confermato ancora una volta le sue qualità anche con la palla tra i piedi. Sulle fasce, come sta accadendo quasi sempre, il Napoli è implacabile, in particolare Maggio, sta attraversando un periodo di forma d'oro. E lì davanti cosa dire... non c'è solo il talento che è evidente, ma ognuno sa perfettamente cosa fare in ogni situazione. La squadra oramai gioca a memoria, ed ha un'identità di squadra più forte a mio avviso, di tutta la serie A. Ci si preoccupava del livello fisico della squadra dopo le partite di Chievo e col Cesena, ma i cali ci sono e ci saranno forse anche in futuro; il piacere è sapere che la squadra è in salute, e poi in queste partite così importanti è evidente che si dà più di quello che si ha.
Impossibile non notare la superiorità del Napoli, e sotto questo aspetto vanno fatti i complimenti a Ranieri e Perrotta, di aver ammesso di meritare la sconfitta contro questo grande Napoli. Chi non possiede di questo fair-play, si lamenta per l'arbitraggio ed il motivo è ancora sconosciuto. Rosi-Lavezzi è un capitolo a parte, nessuno ha visto; e per quanto riguarda il pocho, nemmeno le immagini tv hanno catturato lo sputo. Di sbagliato c'è una mancata ammonizione a Dossena, che però sarebbe stata la prima, ed una mancata ammonizione a Rosi, che però sarebbe stata la seconda. Il rigore c'era ed il gol anche, ah dimenticavo un mancato cartellino rosso per De Rossi.
Ciò che rende straordinaria la vittoria come detto, è la prestazione della squadra e l'importanza del risultato. L'importanza di vincere all'olimpico con la Roma dove nessuno in questa stagione era riuscito. L'importanza di trovarsi +8 sulla Juve e +10 sulla Roma (+7 se la Roma vince a Bologna), le principali rivali per la Champions League oltre a Lazio, Palermo ed Udinese. L'importanza di capire di essere davvero forti, questa vittoria anche per come è arrivata, dà ancor maggior consapevolezza di quelle che sono le proprie qualità. Infine l'importanza di non guardare più lo scudetto come utopia, non è impossibile, può accadere! Sulla carta ci sono forse tre o quattro squadre più forti del Napoli per non parlare di quelle che possono essere forti quanto il Napoli; ma sul campo è un'altra cosa: attualmente in campo la squadra più forte è il Napoli.